Road to Juve – Inter. Spalletti: “Dobbiamo essere squadra e giocare con personalità”

E’ la vigilia di una delle partite più attese dell’anno, Juventus – Inter e mister Spalletti ha caricato i suoi nella consueta conferenza stampa pre-match. Queste le sue parole:

 

” A Torino mi porto dietro molte certezze perchè ho una squadra in crescita che ad ogni partita migliora il suo atteggiamento. Ultimamente abbiamo fatto delle buone gare anche se manca ancora un po’ di attenzione in alcuni momenti particolari della gara

Non è in una gara che ci si gioca tutto, ma è nella stagione completa. E’ importante fare il primo passo intenso e preciso per permettere di collocare in modo giusto i passi successivi. Dobbiamo essere convinti che chi ci sta davanti non sia così forte e così bravo da indurci a non fare quello che è il nostro percorso. Si va dritti per la nostra strada

” Campionato chiuso? Per quanto mi riguarda non è finita quando perdi una partita, ma quando non ci riprovi e non sei convinto della tua forza. Poi è chiaro che c’è una distanza importante in classifica e diventa difficile colmarla, ma domani abbiamo una buona opportunità

” La Juventus è una squadra che tutti gli anni acquista nuovi calciatori che possano migliorare le precedenti prestazioni, vedi i vari Pjanic, Cancelo e Higuain. Sono dettagli importanti per una crescita verticale di una società. Quest’anno con Cristiano Ronaldo ha migliorato la mentalità. E’ questo il motivo della distanza. Domani bisogna giocare con personalità, carattere e convinzione dei nostri mezzi

” Infortuni? Nainggolan e Dalbert non saranno convocati perchè non riescono a recuperare e hanno bisogno di tempo

” Non mi fa nessun effetto il fatto che quasi tutta Italia tiferà Inter domani. Mi bastano i nostri tifosi e ci porteremo la loro voglia sotto le nostre maglie

” La Juventus non è solo CR7, ma ha ottimi giocatori in tutti i reparti. Come li abbiamo anche noi. La cosa fondamentale è il collettivo, non il singolo. Se sei dipendente da un calciatore e succede che questo non giochi la partita, ciò che ti porta in fondo è la squadra”

Quello di domani è un banco di prova per verificare se siamo pronti a viaggiare forte e fare risultato contro chiunque. Noi inseguitrici abbiamo perso diversi punti finora, mentre loro non si fermano. Migliorando il gioco e la continuità si potrà ridurre il gap

Punti deboli? L’essere squadra in maniera continuativa per tutto il match può mettere in difficoltà la Juve. Se riusciremo a pressarla e a prenderle campo per i 90 minuti, togliendole spazio per le giocate, potremo creare problemi. Loro sono bravi ad indirizzare le partite in modi diversi, grazie alla qualità dei singoli

Interismo? Noi siamo Fratelli del Mondo. L’Interismo è guardare il cielo e guardare verso il mondo. Marotta, vista la sua esperienza, è già proiettato verso questo guardare in maniera profonda

Un centrocampo poco fisico, ma più di palleggio, come contro la Roma, può essere una soluzione per determinate partite