Antonio Conte e la cabala: Chelsea ed Inter, i destini si incrociano

È il 16 settembre 2016, è la sesta giornata di Premier League. Il Chelsea di Antonio Conte sfida il Liverpool di Jürgen Klopp; un match tra due squadre con grandi aspirazioni per vincere il titolo, col neo tecnico dei blues reduce da un gran Europeo al comando degli Azzurri. A Stamford Bridge, però, a passare furono i reds, che fissarono il 2-1 finale grazie ad un gran goal dai venticinque metri del capitano Henderson. Sarà la giornata successiva, però, a stroncare le speranze del club londinese; il Chelsea, infatti, perse il derby contro l’Arsenal per 3-0, facendo scricchiolare e non poco la panchina di Antonio Conte.

Il tecnico italiano, però, con un vero e proprio colpo di genio, ribaltando l’andamento dei blues. Il Chelsea inanellò una serie di tredici vittorie consecutive, andando a vincere anche contro il City di Pep Guardiola, all’Etihad Stadium.

La grande curiosità, in tal caso, è data dalla coincidenza con cui la sconfitta del Chelsea e dell’Inter di Antonio Conte, rispettivamente per mano di Liverpool e Juventus, siano arrivate alla medesima giornata di campionato e col medesimo risultato. I nerazzurri, nonostante le precedenti sei vittorie consecutive in campionato contro Lecce, Cagliari, Udinese, Milan, Lazio e Sampdoria, hanno visto drasticamente calare le loro aspettative di vittoria dopo le due sconfitte in quattro giorni contro Barcellona (in Champions League) e Juventus. Il passato, però, insegna che non sempre due sconfitte possono placcare le ambizioni di vittoria di un gruppo che, come quello attuale, ha dimostrato di avere ampi margini di miglioramento.

Restano ancora 31 partite di campionato. Il percorso è lungo ed a noi non resta che continuare a pedalare.

Mario Guarascio

Mario Guarascio. Nato a Cosenza il 23 settembre 1997. Studia giurisprudenza all'Università degli studi di Firenze. Instancabile tifoso nerazzurro.